Quarta sconfitta per l’Abano: il San Paolo vince 2-0

San Martino di Lupari, 10 ottobre – Inizio per il derby Luparense San Paolo – Abano alle ore 15, con cielo coperto e tribuna a piena capienza con oltre 300 spettatori. I primi 20 minuti si dipanano tra reciproco studio e gioco a centro tempo; al 19′ alla prima vera azione in profondità passa la Luparense con un tiro da fuori area di Beccaro a fil di palo: niente da fare per Ruzzarin: 1-0.

Al 35’azione in profondità dell’Abano con un tiro appena sopra la traversa di Barrichello. Al 40′ punizione al limite di Beccaro e parata di Ruzzarin. Al 45′ cross dalla destra di Creati, colpisce di testa Munarini appena sopra la traversa. Poca efficacia per i neroverdi che terminano i primi 45 minuti con un buon gioco che non convince per incisività.

Il secondo tempo inizia con un Abano che sembra partire maggiormente convinto, al 5′ la Luparense costruisce una buona azione da gol che Paganelli spreca in area piccola; riparte subito l’Abano con De Cesare in mischia che a tu per tu con il portiere non conclude. Al 15′ cross dalla sinistra, testa di Paganelli che anticipa tutti e sigla il 2-0. Al 22′ cross dalla destra di Creati, testa di Thomassen che manda fuori di poco sopra la traversa. Al 35′ ritenta il cross Tescaro per Munarini che manca palla davanti al portiere. Fino alla fine l’Abano spinge in avanti per accorciare le distanze senza mai impensierire veramente Murano.

Secco il diesse Maniero, in panchina a sostituzione di De Mozzi squalificato: “questa squadra oggi manca di carattere. Alla quarta sconfitta consecutiva, subita nonostante il bel gioco e le ripetute azioni da gol costruite, concludo che il problema non è l’avversario da battere ma il nostro blocco di testa, di gambe, di determinazione. L’Abano di questo frangente sta svolgendo bene i propri compiti ma merita di perdere: perché il calcio lo si fa con il coraggio della fantasia, di una corsa in più, di un’attenzione maggiore … non con la diligenza del buon gioco. Le prossime gare con il Venezia e la Liventina dipendono solo da noi: questo Abano può vincere con le capoliste così come perdere con una prima categoria. Dipende se saremo in grado di ritrovare noi stessi e la nostra grinta”.

Prossimi appuntamenti mercoledì 14/10 ore 15.00 allo Stadio di Abano contro il Venezia e domenica 18/10 con la Liventina.

Lascia un commento

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com