Determinazione, coraggio e amore per le sfide: a tu per tu con il nuovo mister Massimo Milazzo

Mister Massimo Milazzo con il direttore sportivo Franco Sartori

Mister Massimo Milazzo con il direttore sportivo Franco Sartori

L’Abano 2021/2022 riparte dalla grinta e dalla determinazione del suo nuovo condottiero: andiamo dunque a conoscere meglio mister Massimo Milazzo, al debutto assoluto in Veneto dopo i brillanti trascorsi fuori regione in società di spessore come Pro Sesto e Pergolettese.
«Avremo una squadra giovane, ma non saremo di certo le vittime sacrificali – suona la carica il nuovo allenatore neroverdeAllenarsi di pomeriggio non sarà per me una novità, visto che in carriera l’ho quasi sempre fatto. Credo che la società abbia voluto, in tal senso, dare un messaggio piuttosto chiaro: non vogliamo fare i professionisti, ma iniziare un progetto che vi si avvicini nel “modus operandi”. È evidente che una rosa formata da dodici/tredici “senatori”, che non vivono solo di calcio, debba per forza allenarsi di sera: ad Abano avremo un gruppo molto giovane, puntellato da alcuni elementi di esperienza che daranno qualità ed esempio a tutti gli altri. Lavorare in campo dalle 19 alle 21, sia per un mister che per la squadra, è una cosa: farlo di pomeriggio, con un maggior livello di attenzione e con condizioni climatiche e atmosferiche diverse rispetto alle fredde serate invernali, è tutta un’altra storia».
Che differenze ti aspetti rispetto al calcio lombardo che hai sempre vissuto?
«In Veneto sono al debutto, ma ho i genitori di Verona. Ho sempre seguito le vicende sportive di questa regione. Qui c’è un calcio più “sanguigno” e vissuto, dove bisogna lavorare e sudare per andare a scontrarsi con realtà che sono delle autentiche potenze. Con la società c’è stato un bel feeling sin dai primi incontri: il progetto punta a far crescere più giovani possibili, cercando di fare il massimo per andare poi a vedere se questa “scommessa” avrà avuto il giusto riscontro. Se sei un allenatore che ama le sfide, allora accetti: e a me sono sempre piaciute».
Il primo appuntamento per il nuovo Abano è fissato per martedì 27, mercoledì 28 e giovedì 29 luglio: una tre-giorni di valutazioni, direttamente sul campo, di numerosi profili che possono andare a completare l’organico.
La preparazione vera e propria scatterà lunedì 9 agosto agli impianti San Giuseppe: doppie sedute fino a giovedì 12 compreso, riposo fino alla mattina di lunedì 16 e ripresa nel pomeriggio per poi tuffarsi in altri quattro giorni di doppie sedute fino a venerdì 20. Dalla settimana seguente si andrà a regime con i quattro allenamenti pomeridiani settimanali già stabiliti, dal martedì al venerdì.
«Colgo l’occasione per ringraziare pubblicamente il presidente e il direttore sportivo per la fiducia che hanno riposto in me, facendomi venire da Milano per allenare una categoria importante in una società altrettanto importante e gloriosa. Dedico un pensiero speciale anche alla persona che mi ha fatto capire il calcio a 360 gradi: parlo di Jacopo Colombo, mio direttore sportivo alla Pro Sesto. Non c’era bisogno che lui parlasse: bastava un suo sguardo per capire quando era il momento di dire qualcosa o quando, invece, era il momento di tacere. È uno dei direttori sportivi più bravi e competenti, eppure non mi ha mai imposto alcuna scelta. Era sufficiente uno sguardo per farmi capire dove sbagliavo e dove facevo giusto. Un’esperienza che, a tutt’oggi, mi ha fatto crescere tantissimo».

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com