La carica di mister Bisioli: «Siamo ancora vivi e andremo a Salzano per vincere»

Vinicio Bisioli, allenatore dell'Abano

Vinicio Bisioli, allenatore dell’Abano

Nel playout di andata con la Robeganese è successo davvero di tutto: tre rigori sbagliati, due traverse dell’Abano, almeno due possibili match-point falliti dai veneziani, i ripetuti miracoli di entrambi i portieri.
Un’altalena di emozioni davvero incredibile, che ha tenuto con il fiato sospeso gli oltre 300 spettatori tornati a gremire la tribuna dello Stadio delle Terme come ai vecchi tempi.
L’Abano è sull’orlo di un burrone: per restare in Eccellenza dovrà vincere a Salzano con due gol di scarto. Ma dopo quanto visto a Monteortone le speranze restano vive.
«Ieri è stata la classica partita che ti fa perdere anni di vitasospira mister Vinicio BisioliNella prima mezzora avevamo il match in mano e sul piano del gioco stavamo facendo bene. La clamorosa traversa di Radoni, con il pallone che a detta di molti è poi rimbalzato dentro, e il rigore sbagliato da Anderson Piva ci potevano portare addirittura sul 2-0. Invece sul ribaltamento di fronte è arrivato l’autogol e la gara ha preso tutta un’altra piega. La Robeganese è una squadra che si difende bassa e punge di rimessa: fossimo andati in vantaggio, loro sarebbero stati costretti ad aprirsi di più e si sarebbero esposti alle nostre ripartenze. Il primo rigore parato da Caio ci ha tenuti in piedi e nella ripresa siamo tornati a macinare gioco, creando tante opportunità. Purtroppo, subito dopo il pareggio, abbiamo commesso una sciocchezza incredibile regalando l’1-2: ci siamo rialzati, abbiamo colpito una seconda traversa con Sekulic. Fortunatamente Caio ha fatto un altro miracolo sul secondo rigore e questo, malgrado la sconfitta, ci lascia in corsa».
Il ko di Monteortone ha evidenziato pregi e difetti della giovanissima compagine aponense.
«Abbiamo pagato quelle che sono le caratteristiche che contraddistinguono la nostra squadra: gioventù, poca costanza e un po’ di inesperienza. Nei momenti di difficoltà si fa fatica a mantenere la calma e la lucidità necessarie per continuare a giocare come proviamo a fare. In ogni caso siamo ancora vivi e andremo a Salzano per vincere. Siamo consapevoli che servirà un’impresa, ma non dimentichiamoci che vincendo di un gol si andrebbe comunque ai tempi supplementari. Dobbiamo crederci fino in fondo».

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com