Tre rigori sbagliati, due traverse e il playout di andata si tinge di veneziano: Abano-Robeganese 1-2

Le due squadre al momento del calcio d'inizio

Le due squadre al momento del calcio d’inizio

Al ritorno servirà un’impresa. Lo spareggio-playout di andata non sorride all’Abano di Vinicio Bisioli, che allo Stadio delle Terme cede per 2-1 ai veneziani della Robeganese al termine di una sfida dalle mille emozioni e dai mille colpi di scena.
Un ko bruciante per i neroverdi, che per effetto del peggior piazzamento in classifica saranno chiamati ad un autentico miracolo sportivo nel match di ritorno di domenica prossima a Salzano: si dovrà vincere con due gol di scarto, altrimenti l’inappellabile verdetto sarà la retrocessione in Promozione.
La cronaca. L’avvio è di marca locale, con i padroni di casa che macinano gioco e si fanno apprezzare per manovra palla a terra e triangolazioni: il primo sussulto arriva al 18’, con un’accelerazione di Loris Thiam sulla destra e conseguente cross arretrato per l’accorrente Paolo Pinto, che da posizione favorevole non trova l’impatto col pallone.
Una manciata di minuti dopo è un velenoso tiro-cross di Thiago Finazzi ad indirizzare la sfera verso l’incrocio dei pali, con Alberto Corasaniti bravo e reattivo a smanacciare in corner.
L’Abano carica a testa bassa e al 22’ va ad un passo dal vantaggio con una prodezza balistica di Matteo Radoni, che dai venticinque metri lascia partire una sassata di destro che si stampa sulla traversa e rimbalza sulla linea (probabilmente oltre) prima di tornare tra le braccia dell’estremo difensore veneziano.
I padroni di casa insistono e un paio di minuti dopo è un altro guizzo dell’ex esterno offensivo del Padova a seminare il panico in area ospite, con un difensore che in scivolata tocca il pallone con la mano: rigore ineccepibile, ma dal dischetto Anderson Piva si fa ipnotizzare dai riflessi di Corasaniti.
Da gol mancato a gol subìto, perché sul ribaltamento di fronte è la Robeganese a fare centro con un destro di Joziel Lima Diaz che, complice la deviazione di un difensore, trafigge Caio Vinicius Pirana.
La mazzata psicologica è tremenda e l’Abano sbanda pericolosamente: a tenere in piedi la baracca è proprio il portiere brasiliano, che al 37’ toglie dall’angolino un destro a pelo d’erba dell’ex Maximilian Ferrarese e al 40’ si ripete neutralizzando un calcio di rigore tirato dallo stesso centravanti veneziano.
La Robeganese si conferma tonica e brillante anche in avvio di ripresa, con lo scatenato Nicola Sartori che si vede respingere sulla linea di porta una tagliatissima punizione dal vertice sinistro dell’area.
L’Abano non resta a guardare e al 64’ solo un altro strepitoso miracolo di Corasaniti toglie dalla porta un destro a colpo sicuro di Pinto sull’ennesimo assist dal fondo dell’imprendibile Radoni.
I padroni di casa ci credono e al 71’ raccolgono finalmente i frutti del loro assedio con Thiam, che con una zampata in mischia dal cuore dell’area abbatte il muro veneziano dopo uno splendido numero di Alessandro Zatta lungo l’out mancino.
Nemmeno il tempo di esultare che la Robeganese torna avanti, con un inserimento centrale di Alessandro Giacomin che non lascia scampo a Pirana.
Non c’è un attimo di respiro e l’Abano va ad un soffio dal 2-2 con una capocciata di Milos Sekulic su azione di corner che si stampa sulla traversa a portiere battuto.
I minuti finali sono un lungo assedio neroverde, ma in contropiede la Robeganese si confeziona il colpo del ko con un altro rigore causato da un tackle di Christos Potsi che l’arbitro giudica falloso: sul dischetto stavolta si presenta Liam Diaz, il cui potente destro ad incrociare viene prodigiosamente neutralizzato da Pirana. Un miracolo che tiene in vita l’Abano, a cui (in caso di trasformazione) sarebbe servita al ritorno una proibitiva vittoria con tre gol di scarto.

ABANO-ROBEGANESE  1-2
ABANO:
Pirana, Cunico, Zatta (34’ s.t. Furlan), Finazzi, Potsi, Pinto, Sekulic, Capuzzo (22’ s.t. Bozza), Anderson Piva (7’ s.t. Favaro), Thiam, Radoni. A disp. Havryshkiv, Leonardis, Toffoli, Machairas, Masin, Ardinghi. All. Vinicio Bisioli.
ROBEGANESE:
Corasaniti, Zamengo, Tagliapietra, Giacomin, Bonotto, De Polo, Sartori (37’ s.t. Yarboye), Bandiera (22’ s.t. Vianello), Ferrarese (23’ s.t. Tobaldo), Lima Diaz, Bezze (14’ s.t. Ginocchi). A disp. Meneghetti, Cecchinato, Centenaro, Nezha. All. Giovanni Soncin.
ARBITRO: Bissolo di Legnago.
RETI:
27’ p.t. Lima Diaz, 26’ s.t. Thiam, 28’ s.t. Giacomin.
NOTE:
Spettatori 300 circa. Angoli: 4-6. Fuorigioco: 1-1. Ammoniti Zamengo, Cunico, Pinto, Lima Diaz, Finazzi e Yarboye. Recuperi: 2’ e 5’.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com